Guide

Richiesta di Autenticazione Tramite Fle .htaccess – Come Fare

Può capitare, avendo un sito web composto da diverse directory o sottodirectory, di dover consentire l’accesso ad una particolare directory solamente ad alcuni utenti. Avendo un web server come Apache su piattaforma Linux (le informazioni indicate di seguito le ho provate su una Debian Etch), è possibile utilizzare un file .htaccess, da creare nella directory a cui si vuole limitare l’accesso, per raggiungere lo scopo prefisso.

Il primo passo consiste appunto nella creazione del file .htaccess e nell’assegnazione dei corretti permessi al file stesso:

# touch /var/www/sito/dirProtetta/.htaccess
# chmod 644 /var/www/sito/dirProtetta/.htaccess

Fatto questo, editare il file .htaccess col proprio editor preferito inserendo queste righe:

AuthName “Area protetta”
AuthType Basic
AuthUserFile /var/www/sito/dirProtetta/.htpasswd
Require valid-user

L’istruzione nella prima riga rappresenta il titolo della finestra di richiesta autenticazione, la seconda riga indica invece il tipo di autenticazione alla directory, cioé l’autorizzazione di tipo Basic, che consente il passaggio in chiaro del traffico di autenticazione, a differenza dell’autenticazione di tipo Digest; la terza riga specifica il percorso del file .htpasswd, che altri non è che il file contenente le accoppiate username -> password degli utenti a cui è consentito autenticarsi. Di seguito abbiamo il tag , con gli attributi GET, PUT e POST che rappresentano le operazioni consentite in relazione alla directory (rispettivamente download, upload e invio informazioni tramite form), al cui interno vi è l’istruzione “Require valid-user” che dice ad Apache di consentire l’accesso alla directory solamente agli utenti riconosciuti come validi, cioé che hanno fornito le corrette credenziali d’accesso.

Eseguiti questi passaggi, bisogna creare gli utenti del caso tramite il comando htpasswd. La creazione del primo utente comporta anche la creazione del file .htpasswd, tramite questo comando:

# htpasswd -c /var/www/sito/dirProtetta/.htpasswd utente1

Digitato questo comando, verrà chiesta per due volte la password da assegnare all’utente, e contestualmente verrà creato il file .htpasswd nella directory specificata con l’opzione -c; a questo file vanno assegnati adeguate autorizzazioni, in particolare il gruppo www-data (il gruppo che contiene l’utente omonimo che esegue il demone apache2) dovrà poter accedere al file almeno in lettura:

# chown root:www-data /var/sito/dirProtetta/.htpasswd
# chmod 640 .htpasswd

Ora possiamo creare gli altri utenti in questo modo:

# htpasswd /var/www/sito/dirProtetta/.htpasswd utente2

Creati gli utenti, abbiamo fatto quasi tutto; l’ultimo passaggio consiste nel modificare la configurazione di Apache in modo tale che sia consentito l’accesso ai file .ht per la directory che vogliamo proteggere, infatti, almeno in Debian (non so se è così anche con altre distribuzioni), l’accesso ai file .ht è inibito per default, quindi bisogna dire ad Apache che vogliamo sovrascrivere questa impostazione limitatmente alla directory specifica. In particolare, cercare all’interno del file /etc/apache2/apache2.conf il tag in modo tale che la configurazione finale sia questa:
Order allow,deny
Deny from all
AllowOverride AuthConfig Limit

dove il tag rappresenta appunto la sovrascrittura delle impostazioni date all’interno del tag .

Risulta essere tutto, ora quando un utente accede a questa particolare directory del sito si ritroverà davanti alla richiesta di inserimento di username e password che Apache dovrà autenticare o meno.

Lascia un commento