Guide

Effettuare Port Forwarding con Iptables

Se si dispone di uno o più indirizzi IP pubblici statici con la propria connessione ad Internet, è abbastanza consueto che si voglia approfittarne per pubblicare un proprio server Web, un proprio server di posta, o altri servizi che necessitano di un IP pubblico statico, come una VPN. In questi casi, una buona politica di sicurezza è far passare tutto il traffico diretto verso uno di questi servizi pubblicati attraverso un firewall, che poi ridirigerà le richieste verso un server posto verso la rete “interna”, che prenderà il nome di DMZ (zona demilitarizzata), una rete “intermedia” che è posta tra la rete pubblica (Internet) e la rete locale e su cui saranno posti solamente quei server che devono pubblicare servizi verso Internet, oltre ad un eventuale firewall che connetta LAN e DMZ.

Per fare in modo che il firewall “esterno” rediriga le richieste verso il/i server in DMZ, esiste un meccanismo chiamato “port forwarding”, che dal firewall esterno riceve la comunicazione in ingresso su una determinata porta con un determinato protocollo di trasporto, e la “rimbalza” verso il server in DMZ con lo stesso protocollo di trasporto e su una porta che spesso è identica a quella della richiesta originaria, ma che può anche cambiare.

Se si utilizza un firewall Linux, il port forwarding è impostato tramite iptables, che oltre a fungere da firewall è perfettamente in grado di gestire anche la redirezione del traffico. In particolare, si prenda in esame una configurazione di iptables come quella mostrata qui, dove la cosa di cui tenere conto quando si configura il port forwarding, è che il comportamento predefinito relativo alla catena di FORWARD consiste nel blocco del traffico, per cui, oltre all’istruzione necessaria per indicare la redirezione vera e propria, è necessario impostare una regola di FORWARD  che abilita il traffico dall’interfaccia esterna (eth1) alla DMZ (la cui interfaccia di rete definita sul firewall Linux è eth0) solamente per il tipo di richiesta necessaria. Si consideri la pubblicazione di un server Web che risponde alla canonica porta 80, e la cui interfaccia di rete in DMZ ha indirizzo IP 192.168.20.1; questa esigenza viene soddisfatta scrivendo queste due righe di configurazione di iptables:

iptables -A FORWARD -i eth1 -o eth0 -p tcp –dport 80 -j ACCEPT
iptables -A PREROUTING -t nat -p tcp -i eth1 –dport 80 -j DNAT –to 192.168.20.1:80

A questo punto, se dall’esterno si digita in un browser l’indirizzo IP (o il corrispondente nome host) dell’interfaccia eth1, si vedrà il sito pubblicato tramite il port forwarding di iptables.

Lascia un commento